CHE TIPO DI INTERVENTO SCEGLIERE?

foto di Michael Stanzer

Come si può sapere di avere bisogno di un aiuto e di quale tipo?

Spesso si cerca aiuto quando sintomi gravi e numerosi compromettono il pieno funzionamento nelle aree significative della propria vita.

Ma al di là delle forme più o meno gravi di sofferenza, si può cercare un aiuto per passare dal malessere della patologia ai livelli successivi di funzionamento: non malessere, normoessere, benessere e miglior essere.

Esiste così il coaching per essere supportati nel raggiungimento di obiettivi nella sfera professionale e privata e per sviluppare ed esprimere tutto il proprio potenziale in un miglior essere; il counseling per i bisogni di riorientamento, o per l’attraversamento di fasi esistenziali; il sostegno psicologico, le consulenze cliniche e le molte forme di psicoterapia e per le condizioni di disagio profondo.

Si può altresì decidere di affrontare la stessa difficoltà o evento critico scegliendo interventi diversi.

Prendendo come esempio una separazione, ci si può rivolgere:

Una separazione può toccare delle ferite antiche quali lutti vissuti o perdite importanti (lavoro, Paese d’origine, amicizie, ecc.) facendo scaturire una serie di sintomi quali ansia, preoccupazione, rabbia, stress, angoscia, disperazione, tristezza, ecc.

In base alle circostanze, la separazione potrà essere affrontata in un percorso individuale, di coppia, di famiglia o di gruppo.
Il primo colloquio informativo GRATUITO serve proprio a mettere a punto i propri bisogni ed esigenze in modo tale da decidere il tipo di percorso più adeguato da intraprendere.